bla-bla :: [1] Il corpo dell'uomo e le mutande di superman.

maxdanno::1776955
come noterete sono due secchi di merda.


secondo me stai un po' forzando la materia, per esempio ammucchiando statuaria ellenica i cui elementi, però, distano l'uno dall'altro anche diversi secoli. Anche all'interno dell'arte classica è avuta un'evoluzione nella rappresentazione del corpo maschile: da una versione paleoellenica (vedi i kouroi) ad una ellenistica (vedi il Laocoonte che, anche se non fosse del periodo ellenistico, ad esso è certamente ispirato).
Ora, il problema dei greci, secondo me, non era tanto raffigurare bene i muscoli, quanto suggerire l'idea che il corpo fosse, in primo luogo, una rappresentazione equilibrata del loro mondo ed in secondo luogo desse l'idea di un movimento o di una postura naturali. Il muscolo gonfio e definito, almeno in età classica, era considerato volgare, mentre era assai più importante la proporzione tra la testa ed il torace, tra le braccia e le gambe e così via. L'importante non era tanto la morfologia, ma la simmetria, l'armonia perchè in essi risiedeva la bellezza. In questo senso il concetto di bellezza del corpo maschile è certamente cambiato, come dici tu, ma resta il fatto che, secondo me, il corpo di Mir. Olympia è un grottesco scherzo della natura, mentre gli uomini di Prassitele erano tutto meno che grotteschi.
autostrada con le scale
avocado saponetta
tricipite basket
(allegrodemiurgo)

Il tubonskij ha sempre mostrato una lieve refrattarietà al codex asphaltianum cosa che d'altra parte lo ha preservato dai classici sintomi degenerativi che l'asphaltita di lungo corso manifesta, rimanendo per ciò un po' newbie. questa anamnesi non esclude tuttavia affezioni degenerative di altra natura, che anzi in alcuni casi sembrano probabili. (Rodolfo)

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai