bla-bla :: [2] [crepuscolo degli dei] Il Grande Thread del Chi Se Ne Fotte

figurati, quelle mezze puttane suore non avrebbero mai cacciato le zizze. si mettevano le maglie più fini, anche perchè a fine anni faceva caldo. il vecchio balordo buttava l'occhio e subito lo distoglieva, e tutti a sfotterlo sulle sue prestazioni erotiche. nel frattempo qualcuno pigliava il registro e segnava i voti, e infatti il nostro professore di italiano se ne accorse (anche perchè tutte le classi facevano così) e per due anni i temi di italiano sono stati sempre di argomento storico o filosofico, così pensava di costringergi a leggere almeno qualcosa. ecco quello per esempio era un buon professore, forse non era una cima però senza essere autoritario riusciva a farti vergognare della tua ignoranza. a me dava moltissimo fastidio l'idea che potesse guardarmi con quella sua faccia alla aldo moro, sempre un po' schifata dalla mediocrità della gente. se mi avesse messo un sei, cosa che una volta ha fatto perchè diceva che la mia grafia era illeggibile, e aveva ragione, me la sarei presa a morte. riusciva a creare una competizione tra te e lui e questo è positivo, anche perchè era onesto, cosa rarissima tra i professori.

[fork()]

incidentalmente, mi ricordo che una volta commentando non so più che poesia di montale dissi qualcosa di più personale, il che di norma non facevo perché mi limitavo a rielaborare quel che si era letto o detto sulla questione, senza aggiungere opinioni (vizio che ho preso relativamente tardi, per colpa di internet). non mi ricordo che dissi, il commento riguardava però una sola parola, su cui strologai per un po'. quella poesia, che non ricordo assolutamente, doveva avermi fatto impressione in rapporto a qualche fatto che mi era capitato, boh. comunque parlai e non dei cazzi miei, ovviamente, ma del perchè era stata scelta quella parola e cosa significava e che effetto faceva e, per la naturale connessione di nozioni ed impressioni, tirai fuori altri versi che somigliavano o non somigliavano per niente a quelli e lì per lì vidi una specie non di schema, che non c'è, ma di onda, una sorta di vibrazione che attraversava tutte quelle parole nella stessa direzione. il proffo mi guardò per la prima volta non attento ma interessato e poi disse seriamente "mmm, ci devo pensare". non disse altro e lui probabilmente non sapeva che riconoscendo così il mio ruolo non di studente ma di interlocutore otteneva per sempre la mia simpatia, anche se per tanti altri versi era magari uno stronzo gretto e meschino, e così è stato. mi è sempre piaciuta la letteratura e mi piaceva ancora di più perchè c'era qualcuno, in teoria, con cui avrei potuto parlarne senza essere solo quello che viene esaminato. di fatto non è mai accaduto che discutessimo di queste cose, se non in differita nei giudizi dei compiti.

[fork()]

bello, edita il titolo dottò.
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai