deliri :: [1] UNA GESTAZIONE PER GLI ALDRI

ah ma la mia è ovvia, mi sembra una cosa totalmente demenziale per ragioni forti e del tutto coestensive con le vigenti concezioni del diritto della persona. in parole semplici un minore è soggetto di diritto per cui: il minore non è mai oggetto di proprietà, al massimo di tutela (revocabilissima). la scelta del ruolo di tutore è tranquillamente declinabile, nessuno è obbligato. il minore, per le ragioni di cui al punto uno, come te, mia nonna o scotto, non può essere "ceduto" a nessun titolo - peraltro in forma privata ed arbitraria - da chicchessia a chicchessia, indipendentemente da qualunque ragione particolaristica fosse pure l'amicizia, gratis, il cazzo floscio, la voglia di vivere. ci sono minori sotto tutela di genitori o minori sotto tutela dei tribunali. tertium non datur.
nota che questa questione ovvia è l'unico problema per cui la discussione non diventa mainstream e rimane oggetto di voli di stracci tra persone che non hanno una vaga idea della legge e continuano a metterla sul piano di diritti inventati. la semplice esposizione di questo concetto in certi dibattiti provoca immediatamente l'esplosione del cervello e la paralisi dialettica, puoi fare la prova.
tu come la vedi?
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai