napoli-portici: lentamente la verit emerge
[fork()]

ll'articolo

la pagina facebook del movimento neoborbonico (con sezione a Portici)

giuro che il mio unico scopo nel resto dei miei anni diventera' scoprire dove abiti e piantarti un cacciavite in un occhio ('u Prufissuri)

Chi urla di piu' la vacca e' la sua

Colpa mia che mi ostino ancora a dire cose intelligenti su Internet

[fork()]

se non volete i link a faccialibro, qui sotto il pippone di risposta dei neoborbonici:

Movimento Neoborbonico
Mi piace questa Pagina · 3 settembre ·

LE FAKE NEWS NON SONO QUELLE NEOBORBONICHE MA SONO (DA 150 ANNI) QUELLE RISORGIMENTALI-ITALIANE… RISPOSTA AD ANDREA MAMMONE (CORRIERE 2/9/18). “L'età dell'oro borbonica [mai parlato di età dell’oro]? Una pioggia di fake news [e le fake di garibaldi, savoia, cavour ecc.?]. La chiusura di Mongiana viene dipinta come una rapina da parte dei dominatori nordisti [e invece cosa fu? Un regalo?]… E’ un esempio di come viene inventato un passato preunitario del Sud che non è mai esistito [aggiornarsi con nuovi studi, no?]. Oggi il Sud ha bisogno di cambiare mentalità [lo dite da 150 anni con risultati pessimi] non certo di farsi illudere [e chi si illude più?] da forze che assecondano uno sterile vittimismo” [ma quale vittimismo? Noi vogliamo “resettare” classi dirigenti locali e nazionali, opinionisti compresi].

Lo scrive Andrea Mammone sul Corriere del 2 settembre 2018 e sembra quasi un manifesto di quello che per 150 anni ci hanno detto e vorrebbero continuare a dirci sulla (nostra) storia. Per Mammone, allora, la fabbrica (borbonica) di Mongiana chiuse perché era “mal collegata” e per “mancanza di commesse”. Mammone, però, non analizza diversi dati: se era “mal collegata” com’è possibile che, per tutto l’Ottocento, il trend per il numero degli operai e le produzioni era costantemente positivo? E se una fabbrica vive in gran parte di prodotti utili per gli Stati e di commesse pubbliche, come poteva non fallire se lo stato italiano neanche la convocò per le gare di appalto e l’abbandonò fino alla svendita ad un ex garibaldino e alla totale chiusura? Strano, però, che l’Ansaldo di Genova nel 1860 occupasse solo 480 operai (a fronte degli oltre 1500 di Mongiana e degli oltre 1000 di Pietrarsa a Napoli) e ne occupasse il doppio, il triplo ecc. ecc. negli anni successivi (mentre Mongiana e Pietrarsa chiudevano). Strano che i “dominatori nordisti” pensassero di tutelare le nostre fabbriche sparando sugli operai (capitò a Pietrarsa, agosto 1863: almeno 7 morti). Strano anche che Mammone parli di una fabbrica “mal collegata” nell’Ottocento ed evidenzi (nel 2018 e ad un paio di righe di distanza) che “non esistono autostrade che colleghino Calabria tirrenica e ionica”. Eppure a Mammone sarebbe bastato dare un occhio a qualche ricerca più aggiornata di quelle citate (Galanti, 1798!) e di qualche suo collega universitario (Daniele, Malanima, Tanzi, Fenoaltea, Ciccarelli, De Matteo, Collet o Davis, solo per fare qualche esempio) per capire che Mongiana non chiuse “da sola”, che le condizioni delle Due Sicilie (industrie, redditi, pil, finanze) erano pari o superiori a quelle del resto d’Italia e che “la tesi dell’arretratezza preunitaria meridionale” fu inventata dai “risorgimentalisti” per giustificare (altro che “feudalità”, “criminalità” o altre… fake!) i loro fallimenti (J. Davis, Naples and Napoleon, 2016). Avrebbe scoperto anche che la provincia di Catanzaro vantava livelli di industrializzazione dello 0.78% (stesso livello di Reggio Emilia, di Piacenza o di Ferrara) o che in termini di prodotto pro capite, quello della Sicilia, della Campania e della Calabria era maggiore rispetto a quello delle altre regioni italiane. Peccato per Mammone, poi, che la relazione del Galanti citata per illustrarci le condizioni degli operai fu commissionata (nel 1798!) al Galanti dagli stessi Borbone a pochi anni da un disastroso terremoto e proprio per conoscere e risollevare le condizioni di quelle terre. Pure ammesso, poi, che le condizioni settecentesche di quella fabbrica fossero dure (come erano dure nel resto dell’Italia e del mondo le condizioni delle fabbriche in quegli anni), peccato che l’articolista “glissi” sulla storia successiva di quella fabbrica. Se le condizioni fossero state ancora così pesanti, è alquanto strano che proprio dagli operai di Mongiana partisse una sommossa anti-italiana che portò la popolazione a scendere in piazza, a infrangere gli stemmi sabaudi e ad innalzare la bandiera borbonica (11 gennaio 1861). Sempre a Mongiana, del resto, oltre 200 persone ebbero il coraggio addirittura di votare “no” al famoso (e truccatissimo) plebiscito dell’ottobre del 1860. Un occhio anche “rapido” ai documenti conservati presso l’Archivio di Stato di Catanzaro o ai recenti studi della prof.ssa Mariolina Spadaro (Università Federico II di Napoli) avrebbe evitato allo stesso articolista di scrivere un articolo che (per restare in tema con le produzioni di Mongiana) non presenta certezze “ferree”. Avrebbe scoperto anche l’esistenza di un regolamento datato 1845 e che prevedeva che gli oltre 1500 operai non potevano lavorare (caso rarissimo non solo in Italia) più di otto ore, erano assistiti da un chirurgo, da un medico-farmacista e non risultano, dai documenti, casi rilevanti di malattie, infortuni e morti. Un altro occhio altrettanto “rapido” ai documenti relativi allo smantellamento di quelle fabbriche (Archivio del Comune di Piombino, tra gli altri, con la storia del “trasferimento” delle macchine calabresi nell’Italia del Centro e del Nord) o al massacro o alla deportazione o alla emigrazione forzata di centinaia di migliaia di calabresi (compresi quelli dell’area di Mongiana) gli avrebbe fatto capire che le Calabrie, da area tra le più industrializzate d’Italia fino al 1860, sarebbe diventata una delle aree più disastrate d’Italia e ancora, purtroppo, lo è nel silenzio complice e colpevole di politici e opinionisti (anche calabresi). Se Mongiana non era un “polo siderurgico globale”, quanti “poli siderurgici globali” si contavano in Italia a quel tempo? Ci interessa il divario Nord/Sud italiano e non la gara con l’Inghilterra o con il resto del mondo, paesi-vittime di quelle degenerazioni del capitalismo che, come lui stesso scrive, costrinsero Marx ed Engels a “prendere provvedimenti”… Strane anche altre “contraddizioni”: Mammone prima scrive che “Terroni” di Pino Aprile e le tesi neoborboniche non hanno generato “nessun nuovo paradigma storico” e poi (a distanza sempre di due righe) che (addirittura) “hanno plasmato il clima socioculturale” e “hanno generato quel cataclisma elettorale dello scorso marzo”. Noi tutti, allora, guarderemmo “il presente con gli occhi del passato”? E lo dice pure Salvatore Lupo? E non è questa, magari, una vera fake news contro la storia? E chi lo dirà, ora, a Cicerone che la storia non è più “maestra di vita”? Lo faccia lei, caro Mammone, perché io non vorrei deludere troppo l’Arpinate. E perché mai, invece, questa storia si legherebbe al presente ed è invece dovere di tutti gli italiani belli&bravi evitare di toccare (anche oggi e da 150 anni) le storielle di Garibaldi e dei mille, dei Savoia e dei Cavour super-eroi e del Sud brutto,sporco&cattivo? Altro che "piogge di fake news", quelle sono "bombe d'acqua" di fake, vecchie di oltre un secolo e mezzo e per giunta veicolate con pubblico denaro per libri&scuole... Se non sono attribuibili a “cause esterne” il sottosviluppo e la disoccupazione del Sud, a chi vogliamo attribuire quelle questioni meridionali (mai conosciute prima del 1860 e tuttora irrisolte)? Forse ai geni tarati dei meridionali (Lombroso docuit e docet) o al clima o all’aria che si respira tra Napoli e Palermo? Chi ha mai parlato, del resto, di “età dell’oro borboniche” o di “fantascientifiche rinascite” grilline? Sarebbe bastato leggere magari qualcuno dei nostri libri (e non i post in giro sul web) e sarebbe bastato leggere con un pizzico di attenzione anche gli articoli post-elettorali dello stesso Pino Aprile per capire che quel voto plebiscitario al M5S al Sud era il frutto di una tesi ben precisa e davvero incontrovertibile, più volte espressa da Aprile e citata anche da Mammone: “il Sud si è rotto i c…”. E qualcuno con una dose minima di buon senso e di logica potrebbe dare torto al Sud che ha votato “per protesta” dopo oltre 150 anni di subalternità e di governi che soprattutto negli ultimi anni hanno reso il Sud “un deserto” (lo scrive l’Istat ma Mammone dov’era?). Di che “vittimismo” parla Mammone? Dopo 150 anni e a differenza di quelli che (da Lombroso in giù) per 150 anni hanno attribuito ai meridionali tutte le colpe dei loro drammi, stiamo finalmente capendo e facendo capire che i meridionali non sono artefici della loro inferiorità ma semplicemente vittime e possono e devono iniziare a ribellarsi (democraticamente, civilmente e culturalmente) contro i Mammone che gli scrivono pure la loro storia e contro classi dirigenti locali e nazionali, complici di un sistema che li tiene “sotto” in questa Italia duale (si è accorto Mammone che in Calabria e nel resto del Sud i nostri giovani da un secolo e mezzo hanno la metà dei diritti, dei servizi, del lavoro e delle speranze di quelli del resto dell’Italia e dell’Europa?). Stia tranquillo, infine, Mammone: nessun ritorno alla “età dell’oro” e neanche “del ferro” ma solo magari l’esigenza (sacrosanta) di cambiare classi dirigenti (e loro “formatori” esperti in autoassoluzioni da 150 anni) che hanno ridotto il Sud così come lo vediamo oggi. E il successo crescente delle nostre tesi (e l’articolo di Mammone sul Corriere insieme a quelli recenti di altre riviste scientifiche non solo nazionali) ci fa capire che siamo sulla buona strada.
Prof. Gennaro De Crescenzo
Nell'immagine la fabbrica di Mongiana al tempo dei Borbone e (a destra) l'asta per la chiusura definitiva con i savoia.
giuro che il mio unico scopo nel resto dei miei anni diventera' scoprire dove abiti e piantarti un cacciavite in un occhio ('u Prufissuri)

Chi urla di piu' la vacca e' la sua

Colpa mia che mi ostino ancora a dire cose intelligenti su Internet

[fork()]

Dovresti essere contento del fatto che il nostro bello & solare sudde produca di queste trovate per il tuo sollazzo.

[fork()]

maxdanno::1779780
ll'articolo
cinquantamila.it? ottima testata. detto ciò, l'articolo sembra attraversato da alcuni momenti di ragionevolezza. ma vale davvero la pena di debunkare queste puttanate? ci sta eh, non dico di no. ma certe puttanate te le debunkano semplicemente a scuola, se ci vai. scusa se non ho letto la arringa che segue, solita solfa di rincoglioniti all'ultimo stadio.
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

Secondo me questa sviscerata passione per i pacconi complottardi (compreso in fondo questo qui, anche se reca segni sporadici di serietà), che ormai non risultano più semplice appannaggio di storici "alternativi" (leggasi: suonati), mitomani e svitati con problemi neurologici di gravità variabile, ma è approdata in pompa magna nelle esternazioni delle èlite politico-giornalistiche, a partire dall'ignobile pappardella del codice da vinci, passando per le scie chimiche, il movimento no-vax e per finire con le orride ipotesi sul crollo del Morandi, sono uno dei segni più eclatanti della degenerazione inarrestabile della ratio borghese, ovvero dell'ultimo caposaldo della ragionevolezza di massa (vabbeh, famo a capisse). Questo e tutta una serie di altre distorsioni cognitive nelle quali sguazza la feccia dei cacciatori di consensi, che non starò qui ad elencare.
Signori, è tempo che tutti quanti assumano il proprio intervallo.

autostrada con le scale
avocado saponetta
tricipite basket
(allegrodemiurgo)

Il tubonskij ha sempre mostrato una lieve refrattarietà al codex asphaltianum cosa che d'altra parte lo ha preservato dai classici sintomi degenerativi che l'asphaltita di lungo corso manifesta, rimanendo per ciò un po' newbie. questa anamnesi non esclude tuttavia affezioni degenerative di altra natura, che anzi in alcuni casi sembrano probabili. (Rodolfo)

[fork()]

non bisogna dimenticare però che i popoli primitivi del nord italia hanno scoperto il bidet solo verso la fine del diciannovesimo secolo, vedendone un esemplare nella reggia di caserta. fino a quel momento (e in certi casi ancora adesso) gli antigienici nordisti si nettavano il culo con riso a grana grossa, facendone poi volentieri scorpacciata.

[fork()]

rodolfo::1779786
cinquantamila.it? ottima testata

se leggi attentamente l'articolo originale era sul corriere, ho linkato un sito che lo riproduce (babbandolo cinicamente)

rodolfo::1779786
ma certe puttanate te le debunkano semplicemente a scuola

forse in savoia, ma con la progressiva meridionalizzazione del corpo insegnante presto non più neppure lì.
scotto::1779800
non bisogna dimenticare però che i popoli primitivi del nord italia hanno scoperto il bidet solo verso la fine del diciannovesimo secolo


se vuoi riprenderti il bidet e ridarci le diverse centinaia di miliardi che ogni anno viaggiano da nord a sud per me è ok.
giuro che il mio unico scopo nel resto dei miei anni diventera' scoprire dove abiti e piantarti un cacciavite in un occhio ('u Prufissuri)

Chi urla di piu' la vacca e' la sua

Colpa mia che mi ostino ancora a dire cose intelligenti su Internet

[fork()]

(sai quante salviettine ci compro).
giuro che il mio unico scopo nel resto dei miei anni diventera' scoprire dove abiti e piantarti un cacciavite in un occhio ('u Prufissuri)

Chi urla di piu' la vacca e' la sua

Colpa mia che mi ostino ancora a dire cose intelligenti su Internet

[fork()]

personalnente dubito che qualche miliardo di euro di salviette basti a ripulire la merda che hai dentro, ma il problema è relativo perché tanto non li avrai.

[fork()]

il tubone: si, bravo, sono abbastanza d'accordo con la tua comoda approssimazione.
scotto::1779800

non bisogna dimenticare però che i popoli primitivi del nord italia hanno scoperto il bidet solo verso la fine del diciannovesimo secolo, vedendone un esemplare nella reggia di caserta. fino a quel momento (e in certi casi ancora adesso) gli antigienici nordisti si nettavano il culo con riso a grana grossa, facendone poi volentieri scorpacciata.
guarda, dicamo così: fosse vero, so what?
scotto::1779803

personalnente dubito che qualche miliardo di euro di salviette basti a ripulire la merda che hai dentro, ma il problema è relativo perché tanto non li avrai.
ahah io voglio un thread apposta per le tenzoni tra scotto e max
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

Se i contenuti sono questi anche no dai.
giuro che il mio unico scopo nel resto dei miei anni diventera' scoprire dove abiti e piantarti un cacciavite in un occhio ('u Prufissuri)

Chi urla di piu' la vacca e' la sua

Colpa mia che mi ostino ancora a dire cose intelligenti su Internet

[fork()]

Se i contenuti sono questi anche no dai.
giuro che il mio unico scopo nel resto dei miei anni diventera' scoprire dove abiti e piantarti un cacciavite in un occhio ('u Prufissuri)

Chi urla di piu' la vacca e' la sua

Colpa mia che mi ostino ancora a dire cose intelligenti su Internet

[fork()]

Ma il neoborbonico non ha commentato su questo, che invece mi sembra importante:

Molti abitanti del borgo insultano, con educazione peraltro, Garibaldi e i Savoia
Do not argue with an idiot. He will drag you down to his level and beat you with experience.

[fork()]

l'uno e gli altri comunque si pentirono presto delle loro geniali pensate sulla donna dalla corona turrita.
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

hahah ma dov'è stato girato? gli indici presuntivi (colletto della polo all'erta, lamentela sulle tasse) sembrano dare ragione al compagno vincibile, qualificando il protagonista come robo dei settentrionali
sito ottimizzato a 800x600 per Internet Explorer 5.0 o sup. richiede Real Audio Player

[fork()]

Agevolo video e confesso d'invidiargli la pronunzia italiana polita & civile & ragionevole. Guarda e impara, meridione, come si fanno gli italiani.

[fork()]

avdjas::1780138
hahah ma dov'è stato girato?
Quello è il posteggio della Metro di Corsico, ne sono praticamente certo.
An intellectual is a highly educated man who can’t do arithmetic with his shoes on, and is proud of his lack. (Robert A. Heinlein)
La vita è una malattia incurabile, bisogna solo avere pazienza ed aspettare che passi. (f205v)

[fork()]


Francesco Gangemi, 52 anni, muratore disoccupato, influencer politico su Facebook.

tra le righe c'è anche una frecciata a scotto:

adesso siede nel tinello di casa di un amico e cerca di salvarsi i polmoni fumando con un apparecchio che tosta il tabacco, non lo brucia.
Do not argue with an idiot. He will drag you down to his level and beat you with experience.

[fork()]

dice di aver «comprato un diploma di geometra in Puglia»


Alle elezioni volevo votare quelli di Casa Pound perché portavano la spesa a casa, poi però ho messo due schede bianche


cioé ci pensate che questo ha 10 milioni di lettori su facebook e riesce letteralmente a campare con gli ad, mentre c'è gente che prende dei master in Scienza della Comunicazione ad Harvard che sta ancora cercando di capire come funziona tutto questo?
Do not argue with an idiot. He will drag you down to his level and beat you with experience.

[fork()]

psycho::1780270

dice di aver «comprato un diploma di geometra in Puglia»




allora è max

[fork()]

Scotto, mi sapresti fare la disanima fisiognomica di Varoufakis?

(la battuta invece è proprio fiacca).
giuro che il mio unico scopo nel resto dei miei anni diventera' scoprire dove abiti e piantarti un cacciavite in un occhio ('u Prufissuri)

Chi urla di piu' la vacca e' la sua

Colpa mia che mi ostino ancora a dire cose intelligenti su Internet

[fork()]

scotto::1780271

psycho::1780270



dice di aver «comprato un diploma di geometra in Puglia»







allora è max
hahah
maxdanno::1780275
(la battuta invece è proprio fiacca).
hahahaa
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai