importante bla-bla :: [global basic anxiety] Il piccolo thread del neoluddismo oder il socialismo realizzato dalle macchine

[pregasi accorpare la discussione iniziata nel thread degli attentatori]



Ecco a voi il Comunismo Automatizzato di Lusso.

La società immaginata dai comunisti automatizzati pretende che tutti possano accedere al lusso (dove il concetto di lusso è un po’ vago, ma sembra fare riferimento all’accesso collettivo anche a beni non essenziali). La società post-lavorativa del futuro, nella loro visione, non servirà al profitto, ma alle persone. In che modo? Sequestrando i mezzi di produzione e il controllo delle imprese hi-tech e collettivizzandone la proprietà. Il sol dell’avvenire vuole risorgere, ma lo slogan adesso è drasticamente diverso: “Lavoratori di tutto il mondo, rilassatevi”.

[fork()]

isterico A metano::1772993
avevo proposto di usare il cinese o il coreano ma invece no, hanno prefertio l'ammuffito japponese
per essere davvero cyborg avrebbero dovuto utilizzare a vulgar language.
asphtimer

[fork()]

il pwnezzatore::1773005
apriamo un grande torneo dell'asphalto sulle previsioni del primo avvento su larga scala della basic income in una nazione europea.
c´é abbastanza confusione sul termine ´basic income´. Se ho ben capito, quello che propongono i 5* non é altro che una specie di hartz 4, ovvero sussidio di disoccupazione per casi disperati.
[global basic anxiety] Il piccolo thread del neoluddismo oder il socialismo realizzato dalle macchine
[ignorato - rating -1]: clicca qui per leggerlo

[fork()]

uomo tigro::1773030

il pwnezzatore::1773005

apriamo un grande torneo dell'asphalto sulle previsioni del primo avvento su larga scala della basic income in una nazione europea




Lo stanno gia' sperimentando in Finlandia

sperimentano in larga scala?

rebis::1773035

il pwnezzatore::1773005

apriamo un grande torneo dell'asphalto sulle previsioni del primo avvento su larga scala della basic income in una nazione europea.
c´é abbastanza confusione sul termine ´basic income´. Se ho ben capito, quello che propongono i 5* non é altro che una specie di hartz 4, ovvero sussidio di disoccupazione per casi disperati.

lo sospetto pure io, e non c'è idea migliore, per un partito come i 5s, di copiare un modello perdente ideato dalla CDU

[fork()]

più che meritocrazia direi che è ciò che ci si aspetta che faccia un regime totalitario, però con l'ausilio di grossi computer.

per esempio:

spreading false information about terrorism 


facile immaginare come si possa usare questo criterio quando il governo preferisce che non si sappia che c'è stato un atto terroristico di successo, o viceversa quando vuole far passare per terrorismo qualcosa d'altro.
Do not argue with an idiot. He will drag you down to his level and beat you with experience.

[fork()]

obs, di solito arriva qualcuno dopo due o tre post a dire "ehi, come in black mirror!"
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

CR 13::1773457
Meritocrazia della quale, in generale e per usare un eufemismo, non sono tra i piú accesi sostenitori
A una conferenza ho scoperto che il termine è stato coniato da Michael Young per il suo The Rise of Meritocracy, fondamentalmente una satira del sistema scolastico britannico di quel periodo.
Si conferma quindi che la distopia di alcuni è l'utopia di altri, e viceversa.
Proprio rimanendo nell'ambito della scuola, l'avversione da sinistra per i criteri meritocratici si spiega in virtù del fatto che essi si limiterebbero a riprodurre le disuguaglianze sociali preesistenti. È il vecchio mito deamicisiano del figlio del professionista che sfoglia pigramente l'enciclopedia in salotto vs il giovine proletario costretto a svegliarsi alle 5 del mattino per scaricare le cassette di frutta.

Sarebbe preferibile inquadrare il problema in altri termini.
In primis, la realizzazione della meritocrazia è costosa: richiede procedure complesse e certificate, selezionatori preparati, in un circolo vizioso di competenze che richiamano altre competenze.
In secondo luogo, la selezione meritocratica, pur contribuendo a ingenerare infelicità, si contrappone non tanto ai diritti fondamentali dell'individuo, quanto alla logica del libero mercato.
Nel mondo del negoziabile, il valore non è mai assoluto o intrinseco, ma è sempre il risultato attribuito ex post attraverso meccanismi di contrattazione, iterazioni complesse tra operatori che agiscono perlopiù inconsci gli uni degli altri, bidding competitivi etc.

Svegliatemi per l'apokatastasis

[fork()]

Ehi! E' come in Backmirror!!!!
autostrada con le scale
avocado saponetta
tricipite basket
(allegrodemiurgo)

[fork()]

il fatto che nessuno dica "ehy, è come in peeple!" dimostra che quella celebre app, di cui si era molto parlato a suo tempo, in realtà non se l'è mai cagata nessuno.
Do not argue with an idiot. He will drag you down to his level and beat you with experience.

[fork()]

hahah siete dei cagoni, comunque sto rivalutando università + alcolismo. scusate adesso non posso spiegare.
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

ieri sera ti sei imbucato a una festa studentesca e hai ch14v4t0?
Do not argue with an idiot. He will drag you down to his level and beat you with experience.
[global basic anxiety] Il piccolo thread del neoluddismo oder il socialismo realizzato dalle macchine
[ignorato - rating -1]: clicca qui per leggerlo

[fork()]

nessuno dei due, è che di solito non frequento (da anni) corsi e seminari e c'è un motivo, perché quando succede mi trovo in un tourbillon di esperienze conviviali che si traducono in consumo di alcolici talora a stomaco vuoto. quanto al chiavare purtroppo l'università mi propone situazioni al limite della legalità che naturalmente rifiuto ha priori.
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)
[global basic anxiety] Il piccolo thread del neoluddismo oder il socialismo realizzato dalle macchine
[ignorato - rating 0]: clicca qui per leggerlo
[global basic anxiety] Il piccolo thread del neoluddismo oder il socialismo realizzato dalle macchine
[ignorato - rating 0]: clicca qui per leggerlo

[fork()]

tral'altramente mi chiedo (e questa è una domanda davvero interessante, altro che le cazzate sulla responsabilità dei robot):
il tizio che stava nella macchina, può essere responsabile del fatto?
era lì per intervenire se la macchina non avesse funzionato, ma evidentemente non ci è riuscito.
ma si può dire che "non ci poteva riuscire", perché se la macchina funziona, e nemmeno lei evita il pedone, allora figurati se poteva riuscirci un uomo?
oppuramente diamo per scontato che le capacità del pilota sono comunque superiori a quelle della macchina e quindi lui avrebbe forse potuto?
siccome noi non sappiamo esattamente quanto è efficiente questa macchina, il tizio dovrebbe essere processato normalmente.

[fork()]

secondo me una macchina del genere avra' avuto accesi talmente tanti radar, sensori e telecamere da permettere una agevole ricostruzione ex post dell'accaduto senza troppo spazio per i se e i ma



quando il saggio indica la luna lo stolto si infila delle scolopendre nel cazzo

[fork()]

eh sì, infatti gira già la voce che la vittima se l'è cercata. come poi fanno un po' tutte le femminicidiate.

[fork()]

scotto, dal punto di vista legale la responsabilità è del pilota-non-pilota che deve obbligatoriamente essere a bordo proprio per intervenire quando il robot sbaglia e prevenire gli incidenti.
Non è riuscito ad evitare l'impatto mortale, non sappiamo se perché stava dormendo o se perché invece ci ha provato e non è riuscito in tempo, oppure se ci ha provato ma il robot si è ribellato al padrone.
Lo ricostruiranno ( e sati sicuro che ci sarà un'inchiesta con i controfiocchi) come dice Franti, dato che su quelle macchine tutto è registrato, ma proprio tutto.

Dal punto di vista mediatico invece Uber ha già perso.
An intellectual is a highly educated man who can’t do arithmetic with his shoes on, and is proud of his lack. (Robert A. Heinlein)
La vita è una malattia incurabile, bisogna solo avere pazienza ed aspettare che passi. (f205v)

scotto
[fork()]

io veramente ho detto una cosa diversa, e cioè: mettiamo che i sistemi di frenata automatici già in uso (con la presenza dell'uomo) falliscono e muore qualcuno: cambia in qualche modo il metro con cui valutiamo la responsabilità del conducente?

[fork()]

Secondo me si anche perché nel momento in cui si autorizzerà la circolazione di macchine a guida autonoma non si potrà più parlare di conducente.
Nel caso specifico credo che potranno capire, sulla base dei dati registrati, se fosse possibile o no evitare l'incidente: se esce che la vittima è sbucata dal nulla a 50 cm dalla macchina mentre questa faceva i 70 mi stupirei se gli facessero qualcosa.
Se esce che l'autista si stava facendo i cazzi suoi su fb mentre la macchina puntava un pedone immagino che gli faranno il culo



quando il saggio indica la luna lo stolto si infila delle scolopendre nel cazzo

scotto
[fork()]

ho l'impressione che il mio punto non sia ancora chiaro.

[fork()]

in effetti non è del tutto chiaro se il suo addebito possa darsi in ordine a imperizia o omissione nel controllo di un apparato o se sia transitivamente estendibile al nocumento prodotto dall'apparato a terzi, come se l'omicidio potesse attribuirsi a lui. però la risposta sarebbe facile se si sapessero alcuni dettagli del funzionamento di questi cessi semoventi. credo comunque che sia il secondo caso, visto che a tutti gli effetti pratici l'uomo *è* un conducente e con ogni probabilità i test sono condotti solo entro i margini di automatizzazione oggi consentiti, quindi solo per certe routine o in certi segmenti del percorso, mentre in tutti gli step oggi normativamente critici l'uomo deve intervenire. in parole povere la macchina che circola oggi non è il prodotto totalmente automatizzato che si vorrebbe sviluppare, ma ogni funzione può essere singolarmente testata in automatico, quindi è come un normale cruise control esteso ad altre funzioni.
scotto il tuo paradosso è interessante ma secondo me non si pone in questo caso perchè la macchina - o meglio l'attuale prototipo - non è ancora la macchina sempre efficiente che si immagina e alcune cose sono demandate in partenza al conducente.
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

Auto-robot Uber, la polizia: “Collisione inevitabile anche da un guidatore umano”

Esaminati i video delle telecamere di bordo: la donna investita ieri avrebbe attraversato in un punto pericoloso. Ma le indagini non sono chiuse

“È probabile” che la vettura a guida autonoma di Uber «non abbia colpe» nell’incidente che ieri ha ucciso la 49enne Elaine Herzberg. Lo ha riferito la polizia di Tempe, la cittadina della Florida dove si è verificato l’incidente, al San Francisco Chronicle. Da uno dei video girati dall’interno dell’auto e osservato dalle forze dell’ordine, s’intravede solo “un’ombra” e pare “molto chiaro che sarebbe stato difficile evitare la collisione in ogni caso” (cioè sia con una guida autonoma che umana).
A bordo, come previsto dai test, c’era un guidatore chiamato a supervisionare l’esperimento e prendere il controllo in caso di emergenza. L’uomo, interrogato dalla polizia, ha detto che la donna si è presentata davanti all’auto “come un flash”. Tanto che “il primo segnale di allarme dell’auto è coinciso con il suono dello scontro”. Una versione confermata anche dall’assenza di significative tracce di frenata prima della collisione.
La polizia ha spiegato che la vittima avrebbe attraversato la strada in un punto rischioso e poco illuminato, a un centinaio di metri dall’attraversamento pedonale più vicino. I primi rilievi, però, non scagionano ancora Uber. La vettura viaggiava a 38 miglia orarie (61 km/h) in un’area con il limite a 35 (56 km/h). Ed essendo il primo caso di pedone ucciso da un’auto “driverless”, si va avanti a piccoli passi, anche perché non esiste un preciso quadro legale per accertare le eventuali responsabilità: “È un quadro del tutto nuovo”, ha affermato Sylvia Moir, capo della polizia di Tempe.
An intellectual is a highly educated man who can’t do arithmetic with his shoes on, and is proud of his lack. (Robert A. Heinlein)
La vita è una malattia incurabile, bisogna solo avere pazienza ed aspettare che passi. (f205v)

[fork()]

è un quadro nuovo che, nella loro common law, andrà a settare un precedente giurisprudenziale chiave, i test su strade pubbliche serviranno anche a creare quell'humus giuridico favorevole alle guide driverless
[muffa::post]mi fa molto ridere che i procioni non abbiano nessun rispetto per lo spazio personale e la proprietà altrui.
dasimplex lo trovi in un 8pussy's garden ma non certo in the shade.

[fork()]

avendo già avuto in passato dei veicoli a guida semi-automatica

direi che si possono tranquillamente applicare le legislazioni allora vigenti a questi nuovi veicoli.
asphtimer

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai