importante recensioni :: Star Wars VII: The Force Awakens

La mia recensione (2015-12-19):
-----
Per criticare adeguatamente questo film bisogna tenere presente un parallelo ben preciso:
SW7 si confronta con SW1 come la nuova 500 si confronta con la 500 classica.
Non hanno in comune neppure un bullone, eppure sono definitivamente ed indubitabilmente l'una la figlia dell'altra.

Detto questo si tratta di un film da vedere, anche se si esce con un certo qual amaro in bocca per i forse troppi agganci aperti per il prossimo film della saga. 4 stelle su 5.
La trama non è affatto male, con un paio di botte notevoli che evito di spoilerare.
Sceneggiatura saggiamente bilanciata fra azione e concetto; dialoghi non memorabili, ma assolutamente scorrevoli e giustamente ritmati.
CGI moderna, ovviamente non confrontabile con quella della prima serie; oggi non siamo più in grado di riprovare quello stesso senso del meraviglioso, JJ ne è cosciente e giustamente evita di farsi prendere la mano dalla tecnica.
Citazioni, richiami, agganci, omaggi e risprese dei primi 2 film sono talmente tanti che diventa quasi un gioco rilevarli tutti e goderseli dal primo all'ultimo.
JJ ha saputo benissimo (da vero fan) riprendere gli stilemi che tanto hanno contribuito a traghettare lo Star Wars originale dal mondo del fantastico a quello del mito. E come tutti i miti non ha problemi a ripetersi sempre uguale eppure sempre diverso, il mito non vive della novità, vive della forza dirompente del già noto che si perpetua.
Unica nota non positiva (e che mi impedisci di dargli la quinta stellina) è la recitazione degli attor giovani: un solo rutto di Chewbecca spazza via l'intera produzione recitativa della femmina e del negretto.
Nota di merito particolare all'ultima sequenza; complice un paesaggio mozzafiato, una musica che tocca corde profonde, uno sguardo di Mark Hamill da primato, si sente lo spirito Sheakespeariano di Re Lear che entra nella sala e ti rapisce.
Una nota di colore: Harrison Ford è ormai un vecchio bolso, la Carrie Fisher ha la presenza scenica di una carcassa di balena spiaggiata, mentre invece Mark Hamill (che da giovane faceva piuttosto cagare nel piattume del suo sorriso da americano medio) ha oggi un aspetto di grande carisma e sintomatico mistero.

-----


ERA:
Adesso che arrivano le recensioni posso editare (2015-12-17)
----
Il quotidiano britannico The Guardian gli assegna addirittura cinque stelline su cinque: "Il vero Episodio 4 è qui! Dai primi minuti, o anche dai primi fotogrammi, Star Wars - Il risveglio della Forza di J.J. Abrams è emozionante, spettacolare e seducentemente naïf", scrive. "Fa dimenticare la ridondanza e la pedanteria della trilogia prequel. Ripristina la commedia che Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma aveva abbandonato".

Variety, l'autorevole testata di intrattenimento americana, esordisce: "Se il primo Guerre Stellari (1977) non fosse stato già ribattezzato Una nuova speranza, quel titolo ottimista potrebbe essere applicato altrettanto bene a Star Wars: Episodio VII, un travolgente e anche riparatorio settimo capitolo dell'immortale saga dello spazio costruita e ora ceduta da George Lucas".

Anche Hollywood Reporter è sulla stessa lunghezza d'onda: "Star Wars: Episodio VII pompa nuova energia e vita a un franchising santificato, sia resuscitando vecchi piaceri che puntando a nuove promettenti direzioni".

Non completamente convinto il figlio di f205v: "Bello, però è un film delle balle!"

----

Era (2015-12-09)

Siccome è di J.J. Abrams sarà sicuramente un capolavoro nel cristo.



An intellectual is a highly educated man who can’t do arithmetic with his shoes on, and is proud of his lack. (Robert A. Heinlein)

[fork()]

le rece di rashid erano un punto fermo dell'asphalto, caro il mio turca.
No safety or surprise, the end (Jim Morrison)

[fork()]

Turca Ricolma::1741792
e non capiva assolutamente un cazzo
Non esageriamo, era affetto da un certo buonismo cinematografico, difetto che affligge anche chi con le recensioni ci campa.

Svegliatemi per l'apokatastasis

[fork()]

rashid, trona!

An intellectual is a highly educated man who can’t do arithmetic with his shoes on, and is proud of his lack. (Robert A. Heinlein)

[fork()]

Ma infatti rashy, guarda che scherzavamo non facevi poi così cagare

[fork()]

posso affermare finalmente che l'unica cosa che fa cagare di rashid sono le recensioni (e nemmeno tutte)
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

si e allora?
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

PORCODIDDIO DISNEY MERDA
[fork()]

Ma porco di un dio porco

Star Wars, grande storia di bene e male.

Ridotta, grazie alla casa di Mickey Mouse, in un coacervo di sketch comici (i due storm trooper che tornano indietro, porcodio NO) e abbracci.

Abbracci ovunque. Non si vede mai nessuno crepare malissimo a parte l'inizio. E' un film per famigliole perbeniste.

nessuno si bacia, nessuno che è lacerato intimamente da qualcosa, profondità dei personaggi che a confronto il film dei pokemon aveva un character design da oscar.

Salva tutto la scena finale.


SPOILER

La tipa: La tipa che impara ad usare la forza subito. Non si sporca mai, non si macchia mai, nessuno osa violenza contro di lei (usi la forza e non la prendi almeno un po a sberle prima?!?!?!!?)

La spada: ma diocane, anni e anni in una scatola ed è sempre tutta lucidata, perfetta, non usurata e con le batterie eterne?!

La nave: Anche qua, abbandonata da mesi su un pianeta deserto, APERTA, e nessuno che la tocca, tutto funziona al primo colpo e via?

IL CATTIVOdov'è il male? Dov'è la cattiveria? Vader ammazzava la gente per sfizio, come Darth Maul, appena gli facevano girare le palle. Questo si limita a fare l'adolescente sconfortato, distruggendo a spadate laser i computerini...non basta ammazzare il padre, NON BASTA!

Sul ponte: Peggior scena di morte di Harrison Ford. No sangue, no sofferenza, no sudore, tutto pulito e lindo.

Però che sconforto.

[fork()]

aschkazz::1741846
Non si vede mai nessuno crepare malissimo a parte l'inizio.
spiegami dove si è mai visto
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

ma che cazzate su
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

rodolfo::1741848
spiegami dove si è mai visto

Comunque Rodolfo ha ragione, non è mai stato il core business della saga.

Svegliatemi per l'apokatastasis

[fork()]

aschkazz::1741846
La tipa

Lo fa anche Anakin, eh??
W la topogigia di clio

[fork()]

AshKAZZ, tenendo fede al tuo nick dimostri di non aver capito un KAZZ.
Son tornato adesso dal cinema, mangio un boccone e poi edito a copo3d con la mia recensione.

An intellectual is a highly educated man who can’t do arithmetic with his shoes on, and is proud of his lack. (Robert A. Heinlein)

[fork()]

psycho, ho editato il capo3d già 2 ore prima del tuo post, devi smettere di mangiare la caponata fritta.

An intellectual is a highly educated man who can’t do arithmetic with his shoes on, and is proud of his lack. (Robert A. Heinlein)

[fork()]

aschkazz::1741846
profondità dei personaggi che a confronto il film dei pokemon aveva un character design da oscar.


mentre invece tutta l'ascendenza cinematografica spaccacoglioni di questo film è notoriamente paragonabile ai Fratelli Karamazov.
Ma vai in culo vai.
No safety or surprise, the end (Jim Morrison)

[fork()]

il tubone::1741897

aschkazz::1741846
profondità dei personaggi che a confronto il film dei pokemon aveva un character design da oscar.


mentre invece tutta l'ascendenza cinematografica spaccacoglioni di questo film è notoriamente paragonabile ai Fratelli Karamazov.
Ma vai in culo vai.
Peraltro in questi casi dovrebbe parlarsi di character development, o più italianamente di sviluppo dei personaggi. Alla fine gli unici inglesismi universalmente utili in questo tipo di discorsi sono gli arcinoti plot/story, più calzante del corrispettivo nostrano "intreccio e fabula", signorile ma concettualmente muto.

Svegliatemi per l'apokatastasis

[fork()]

visto. è un grosso no, pur con qualche isolata nota di modestissimo merito.
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

chiunque ne parli da "bene" in su è un cialtrone assoluto e merita la gogna - in ogni caso gente che vuole il male della saga e che non ha mai capito niente della (pur discutibile) prima trilogia
non è oggettivamente possibile dare un giudizio positivo per mille ragioni che posso elencare facilmente

lascio gli spoiler per dopo o più avanti quando ci sarà più gente edotta, per ora chiarisco che le mie previsioni erano come al solito tutte corrette o quasi, ottimizzate immediatamente durante la visione con tanto di profezia sulla scena topica (del resto certo, credo ci arriverebbe anche una proscimmia). le uniche cose non previste o prevedibili riguardano altri personaggi, sbozzati per introdurre i futuri episodi ma che nell'episodio corrente servono a poco o addirittura a un cazzo del tutto, aggravando la situazione filmica generale
tutto come previsto anche per i vecchi (in tutti i sensi) personaggi, malamente inseriti - chi più chi meno - in una storia a un tempo più ridicola e a un tempo copiata (e forse per questo ridicola)
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

A me sa tanto di bella merda e non credo la visione del film porterà a nulla di diverso. A meno che il trailer non sia una finta.
TRASFERIAMO IL VATICANO IN UN PAESE POVERO AFRICANO

[fork()]

+++++++++SPOILER++++++++
Meh,
ora io capisco le osservazioni sui film precedenti nei quali non c'era nessuno (o quasi) spessore narrativo, ma credo che in questo settimo episodio si esageri.
- Tutto succede subito (l'ingresso di Han Solo è ridicolo, "uè ciao che si dice?", il fortuito incontro del nero con la tipa lo è ancora di più).
- La morte di Han Solo è costruita malissimo, non gliene frega un cazzo a nessuno, lo spettatore non arriva a quel pathos necessario per empatizzare con la scomparsa del Ford, si è spiegato nei 5 minuti prima che è suo figlio e non si ha il tempo di metabolizzare, voglio dire facci vedere all'inizio che il figlioccio si sfava e si avvicina al lato oscuro, magari con la principessa Leia che se ne accorge e lo protegge, chessò, ma così no, quando belli capelli infilza Han Solo gliene fotte solo a Chewbecca
- I 3 personaggi (nero, donna e cattivone emo) sicuramente faranno un triello di cazzi e figa alla twilight, del tipo che si vogliono scopare a vicenda con tira e molla vari. Troiaio per giovinetti ma d'altra parte si capisce che vogliono acchiappare le generazioni nuove.

++++++++++
Comunque è notizia di poche ore fa che il film abbia raggiunto quasi un miliardo di dollarazzi d'incasso worldwide, non ce ne stupiamo; strizzeranno il marchio a dovere più che possono.
L'altro giorno sono andato in un negozio di giocattoli per cercare una lightsaber da regalare, ho visto che questi hanno invaso di plastica il mondo, ovunque c'erano gadget e giocattoli di qualsiasi tipo. Ma poi anche roba anacronistica per i giorni d'oggi, voglio dire capisco il videogioco (che pare sia fighetto) ma chi cazzo si compra il giocattolone alto 60 cm a 200 euro? boh, secondo me è roba che andava 30 anni fa, non certo adesso.
[muffa::post]mi fa molto ridere che i procioni non abbiano nessun rispetto per lo spazio personale e la proprietà altrui.
dasimplex lo trovi in un 8pussy's garden ma non certo in the shade.

[fork()]

con questi tre colpi d'ascia rodolfe ha detto tutto.

sono uscito dal cinema commosso per il finale ma sono state lacrime riconducibili a un'emotività che da sempre offusca la mia schiettezza.
Ho quindi sospeso il mio giudizio per una settimana durante la quale mi sono confrontato con entrambe le fazioni.
Concludendo, trovo che ci siano molti fotogrammi oggettivamente belli, tuttavia
1- la pochezza di trama\personaggi che spesso e volentieri ricalcano il già visto
2- questo lato oscuro sempre meno credibile (mi aspettavo un "male" finalmente buio e noir in linea con gli anni che viviamo)
3- dopo centomila anni di lavorazione DEVI, perdio, cagare una roba che al cospetto de "L'impero colpisce ancora" accusa il colpo e rimane in piedi, non affoga in una palude di cacarella
4- non ti salvi col simpatico robottino e purtroppo neanche con la bella figa

formalizzo il mio parere negativo.
Scarica il programma M5S

Star Wars VII: The Force Awakens, JJ. Abrams (2015)
[fork()]

La prima mezz'ora è probabilmente la miglior esperienza visiva che la saga ci abbia mai regalato, una fuga continua dove JJ abrams riesce anche a presentarci i protagonisti. Ci sarebbe da chiedersi perché Boyega non si limita a disertare, ma addirittura si impegna a liberare il nemico pubblico n.1 invece che imboscarsi alla prima occasione utile. Effettivamente qualcuno accenna ad un imminente ricondizionamento o qualcosa del genere, quindi probabilmente era l'ultima occasione per il negro.
Dopodiché il film inizia a mostrare i suoi difetti.
Mi potrebbe anche andare bene la parentesi di Han Solo in stile I guardiani della galassia (peraltro uno dei gangster che gli da la caccia è praticamente il Bruce Lee indonesiano di cristo, qui ridotto ad una figurazione speciale), ma è quando i nostri arrivano alla taverna del sapiente mostriciattolo giallo che la narrazione inizia seriamente a imputtanarsi, con spiegoni buttati lì, ritrovamenti di antichi cimeli nel magazzeno accanto al baygon interstellare e il droide più ricercato della galassia esibito davanti a tutti con olimpica nonchalance.
Il tiro viene riaddrizzato solo quando si punta all'effetto remake senza più remore, con la presentazione della sfida finale contro la nuova morte nera, attuata secondo il freschissimo schema del commando scelto in combinato disposto con l'ininfluente attacco aereo.
Il finale, tralasciando il risveglio miracoloso del robottino in stand-by tipo il vibratore della badante sessantenne al risuonare dell'Internazionale, potrebbe far sperare in due sequel meno gravati dal cast geriatrico dei vecchi, con il buon Luke relegato al ruolo di saggio maestro Yoda e un maggior spazio per il cast dei nuovi, complessivamente pimpante.

Al di là dei difetti che abbiamo tutti notato, il film riesce a strappare la sufficienza proprio perché, per la prima volta dai tempi della prima trilogia, lo sconclusionato mondo di SW sembra in qualche maniera reale e concreto. Abrams riesce a costruire delle scene godibili, come tutta la prima mezz'ora, la battaglia sul lago fra gli X-Wing e i caccia imperiali, a suo modo anche il rendez-vous sulla passerella; è il lusso di far girare i film ai registi e non a wannabe direttori del marketing.
La componente derivativa, che costituisce alla fine la struttura portante del film, può essere letta come scelta di prudenza, di fronte all'arduo compito di presentare una nuova storia* e fare i conti con l'ingombrante passato affastellato da mostri pelosi e principesse cocainomani.

tl; dr E' un remake con un grosso sbaglio che è la parte centrale, afflitto dal cancro interlocutorio nei confronti dei protagonisti della vecchia trilogia, ma nel complesso risulta visivamente godibile: voto 6.5.

* a me poi va benissimo il Primo Ordine, che è una versione più ruspante dell'Impero, una specie di RSI insomma, però pare che questi non siano mai stati sconfitti. Le scene di festeggiamenti in strada alla fine di ep. VI lasciavano presagire una vittoria, e invece salta fuori che la Ribellione è diventata ora la Resistenza, cioè Luke & co. non avrebbero risolto un cazzo. Sarebbe stato molto più interessante invece mostrarci la rediviva Repubblica in una posizione di apparente supremazia, con il male che comunque alligna e tesse le sue trame.

f205v::1741519
SW7 si confronta con SW1 come la nuova 500 si confronta con la 500 classica.
Sarebbe più corretto dire che SW7 è la vecchia 500 tale e quale con in più il filtro antiparticolato e la targa nuova. E il meccanico che l'ha revisionata, nostro amico, ci ha aggiunto anche un arbre magique appena arrivato in officina, al gusto "mela verde".

Svegliatemi per l'apokatastasis

[fork()]

gonzokampf::1742044
per la prima volta dai tempi della prima trilogia, lo sconclusionato mondo di SW sembra in qualche maniera reale e concreto


se questo è vero allora io ho visto un altro film.
come scriveva daw nell'altro social, in questo universo tutto succede a caso: trovi la millenium falcon per caso che era lì da 30 anni, c1p8 era lì per caso da 30 anni, trovi han e chube vagando a caso MA tutto accade come già accaduto con ruoli cambiati.
la scemeggiatura è avvilente e sopportarla è snervante.
con 10 minuti di l'impero colpisce ancora fai 12 risveglio della forza.
è un florilegio di porchiddio
Scarica il programma M5S

[fork()]

Tuatara::1742046
come scriveva daw nell'altro social, in questo universo tutto succede a caso: trovi la millenium falcon per caso che era lì da 30 anni, c1p8 era lì per caso da 30 anni, trovi han e chube vagando a caso MA tutto accade come già accaduto con ruoli cambiati.
Il mio commento riguardava l'aspetto visivo: location, costumi, scenografie, modo di riprendere il tutto.

Ti rispondo comunque: è l'universo di SW, uno dei limiti intrinseci o features della saga. Il primo episodio raccontava di Obi Wan che era rimasto un ventennio a vegetare ignorando Luke Skywalker (che viveva nel trullo accanto), e nel giro di un quarto d'ora prende e parte con lui per un viaggio nella Galassia. Tutto questo perché la principessa aveva deciso, del tutto arbitrariamente, di mandare i piani della Morte Nera al vecchio Jedi su tatooine invece che a una delle basi dell'alleanza ribelle o sul pianeta dove era cresciuta.

Quello che sto cercando di dire è che in una narrazione improntata al sense of wonder e all'avventura dovremmo accettare un tot di mistero/casualità, come il baule del vecchio pirata ritrovato da Jim Hawkins che costituisce la molla narrativa de L'isola del Tesoro.

Svegliatemi per l'apokatastasis

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai