blog deliri :: Due soli non s'incontrano mai

Tralascio la fisica, e me ne frego dell'astronomia.
Voglio parlarvi di Lilly. Certo che a molti di voi non fregherà nulla.

Lilly ha un anno meno di me. La conosco da quando io avevo 5 anni e lei 4. Ed in tutti questi decenni che sono passati, i miei unici tentativi di contatto con Lilly sono stati il tirarle un'altalena in testa all'asilo nel 1977 per attrarre la sua attenzione - ebbe ripercussioni sulla mia libertà di movimento per due settimane e soprattutto lacrime da parte sua e rimbrotti pesanti da parte dei rispettivi genitori - e l'averle detto, 2 mesi addietro "Devo vuotare il salvadanaio, avete la macchina che conta le monete?" e lei mi ha risposto "si certo! come va? Sai che sono divorziata...".

Lasciamo quell'ultima frase in sospeso fra noi. Eravamo a non più di un mezzo metro l'uno dall'altra, intenti a sversare monetine da un salvadanaio a forma di maiale, dentro la macchina che mi avrebbe di li a poco detto di quanto ero più ricco. Lei fissava la mia fede. "ah... tu sei sposato". ed io "si, da quattro anni".
Quel "ah... tu sei sposato" è rimasto li. In orbita fra noi due.

Ho amato Lilly fin dal primissimo istante in cui l'ho vista. Il paese è piccolo (1'800 anime), e le occasioni d'incontro frequenti. Eppure, in quasi 35 anni della mia vita, le ho parlato solo due mesi fa. Per la prima volta.

Alle medie prendevamo ogni giorno, 4 volte al giorno, un bus che ci portava dal paesello verso un altro paesotto, cove c'era appunto l'edificio scolastico. Per quattro anni - tanto durano le medie in Ticino - io ero seduto e lei era in piedi vicino a me, con la sua amica, Michela. L'ho sempre guardata come se fosse una Dea, e lo era, e lo è. Ma non ho mai avuto il coraggio di parlarle. Mai. Una volta Michela, la sua migliore amica - considerata da tutti una ragazza oltre la portata di tutti se non forse di un Pitt o un Cruise - mi indicò e disse ad alta voce "A me piace lui!".

Non dissi nulla. mai. Sono stato un adolescente molto complessato a causa delle mie orecchie a sventola. Insicuro di me, in maniera quasi maniacale. Figuriamoci se la "figa" della scuola potesse interessarsi a me. E poi, a me piaceva Lilly, non Michela. E Non ho mai avuto il coraggio di avvicinarmi a Lilly e chiederle anche solo un "ciao, come stai?". Mai.

Il 7 Ottobre del 1987 uscìi da scuola con il motorino, come sempre. Ad un incrocio una Opel mi tagliò la strada. Non ebbi nemmeno il tempo di frenare. Andai a sbattere a 40 all'ora contro la fiancata della macchina. 1 secondo prima, e non sarei qui. Ne guadagnai 13 punti di sutura sulla fronte (due tagli separati) ed un braccio rotto, senza contare tagli ed abrasioni su tutto il corpo.

Mi portarono via in ambulanza. I miei mi dissero che una ragazza aveva chiamato a casa, in lacrime, dicendo solo "è vivo? non posso perderlo!". Mia madre disse che stavo bene. Avevo addirittura cercato di riaccendere il motorino - un compianto Sachs a 2 marce - ed avevo chiesto al conducente dell'ambulanza di accendere le sirene... il resto è buio per le successive 12 ore. Chi era? Non lo sapemmo mai. Ma una piccola idea ce l'ho. O quanto meno, voglio averla.

Ci siamo girati attorno per decenni. A fine Agosto nel paesello organizzano una tradizionale costinata di piazza, e proprio li accanto c'è il campo da Basket sul quale ho sudato any given sunday per 10 anni. Quel giorno ero li a giocare con qualche amico, e lei era seduta a 10 metri dal campo, ad uno di quei classici tavoli da feste campestri. Non ho mai giocato così male come quella volta, eppure ero appena stato scelto püer giocare in serie A in Svizzera. 24 ore dopo un bastardo mi frantumò la schiena durante un tiro in elevazione. Il medico disse solo "hai tre vertebre che stanno dove non dovrebbero essere. Niente più sport agonistico, o la prossima partita la giochi in sedia a rotelle". fine. addio basket.

Comunque, lei era li, con i suoi amici. A un certo punto si alzò, venne verso di me, prese il mio asciugamano e il mio the freddo a bordo campo, e me li porse. Non le dissi nulla! Lei mi guardò, disse solo "...prego..." e tornò a sedersi. Io. Non. Dissi. Nulla.

Dopo quella volta, non l'ho più rivista per 20 anni. Era l'ultima sera delle vacanze estive del 1992. Io sarei poi andato a lavorare a Zurigo, Lei a Losanna. Non ci siamo visti per 20 anni. E si, l'ho pensata. Ho spesso pensato a lei. Soprattutto quando me ne stavo su un alpeggio, fucile in mano, a fare la guardia al nulla. è metaforico: difendevo con un'arma da guerra ciò che non avrei mai avuto. E ne ero perfettamente conscio, ma quel fucile, che conoscevo tanto bene, mi aiutava ad avere un po' meno paura del mondo buio e silenzioso di fronte a me. La mia paura? la sua assenza. Lilly.

Esistono sistemi, nell'universo, che hanno due stelle. I giornali di bassa lega li paragonano a quelli di Tatoonie. Sono stronzate. Quello che so per certo è che 2 soli non posso incontrarsi. mai. Ne deriverebbe un cataclisma. Lilly ed io siamo due soli. Sono 34 anni che ci orbitiamo attorno, ma non possiamo avvicinarci. Mai. Già a mezzo metro uno dall'altra - distanza peraltro esigua - si capisce che c'è qualcosa che non va. Si avvertono allarmi di pericolo imminente, come nei film, "uaaa uaaa". Mantenere una distanza di sicurezza, sistema instabile, rischio devastazione.

2 settimane addietro sono andato a casa dei miei genitori - nel paesello - per una grigliata. A fine cena, davanti ad una grappa che produce un amico di mio padre e eche sarebbe illegale anche nei peggiori bar di Caracas, me ne esco con "ah! Ho rivisto la Liliana due mesi fa, quando sono andato a svuotare il salvadanaio... sempre stata una bella ragazza".

Mio padre - è un personaggio, alla tututfest spaccherebbe - si è alzato, è andato in casa a prendere due Dannemann, me ne ha dato uno e si è acceso l'altro. Mi ha detto "Facciamo due passi". Quando mio padre dice "facciamo due passi" tutta la famiglia sa che sta per accadere qualcosa, sta per essere svelato qualcosa, tenuto nascosto per molto tempo.

Arriviamo in silenzio fino alla piscina. I cani ci seguono pigramente, aspettandosi forse una giocata, o anche solo due passi nel fresco della sera che scende dalla montagna al nostro fianco. "Ho visto suo padre settimana scorsa. Lilly gli ha detto che vi siete incontrati in banca, dove lei lavora."

Ho risposto "beh, si. ho portato a far contare le monete del Miggy"

"E' sempre stata innamorata di te. A volte addirittura non voleva andare a scuola quando tu eri a casa malato, perchè non ti avrebbe visto sul pullman. Quando è partita per Losanna, ha pianto per mesi. Non le hai detto una sola parola quel dannato 29 Agosto in cui ti ha portato l'asciugamano. Non una! E rivederti non le ha certo fatto bene. Stalle alla larga".

I mondi possono crollare. Fumavo il sigaro, fissavo i due cani che giocavano pigramente fra loro, per poi venirsi ad accucciare ai miei piedi. Mi ero seduto a terra, ne avevo bisogno.

"Perchè non me l'ha detto 26 anni fa?!"

"Perchè non gliel'hai detto 26 anni fa che le sei sempre morto dietro!!" ha risposto mio padre. E' di solito persona molto pacata e taciturna. Non quella sera.

E così sia. Due soli sono destinati a non incontrarsi, a non incrociarsi. Seguirò il consiglio di mio padre: le starò alla larga. Mi basterà poterla osservare per pochi minuti, quando vado in banca. E' ciò che ho sempre fatto: osservarla in silenzio.

Mi chiedo: e se 26 anni addietro avessi trovato un briciolo di coraggio per avvicinarmi a lei?

Ora a voi... vi è capitato? Me lo raccontereste?
[maxdanno::post]3. una volta ho sparato a una mucca
4. comunque è stato un errore

[fork()]

No.
Ha ragione Supermaz.

[fork()]

mai.
compagne di classe buzzicone o stronze o inavvicinabili
io in ogni caso uno sfigato

e comunque
 seduto sul bordo della vasca da bagno osservo piccoli animaletti, muovono le loro antenne tra capelli morti e peli di cazzo, sembrano provarci gusto. poi il loro vagare alla ricerca di non so che mi ricorda qualcosa di già visto qualcosa di ridicolo e deprimente. è a questo punto che tronco la loro esistenza con un getto d'acqua bollente. trascinati dalla corrente tornano in quello stesso buco da dove erano usciti temerari. sfidando l'ira di dio.

[fork()]

[spaceape101::post]vai e falla tua.

ma infatti, dopo aver fatto esplodere una mucca e convissuto con una tossica che ti ha vuotato il conto piu' di Monti, se anche ti trombi la tua fidanzatina delle elementari che potra' mai succedere? A massimo finisci come Dave Garland.

[fork()]

boh, succede.
Piccolo aneddoto marginale contenente meta a manetta: in questi giorni sto giocando con picasa e il riconoscimento volti, e ho trovato foto che mi ero dimenticato di avere. Tranquilli, nessun vecchio amore balzato dal passato a turbare i miei sogni, ma una persona che qui conoscono in molti: Hazel.
A rivederla mi chiedevo che fine avesse fatto, anche perchè vedo spesso il suo attuale compagno commentare gli status dello squallido su FB, e mi dico "ma possibile che stia con un coglione di tal fatta?".
Però poi mi ricordo di una cosa: Hazel aveva questa *mania* del dare ai maschietti patenti di adulti o bambini (come peraltro fanno molte femmine, ma in lei era una dominante), chiaramente elogiando i primi e deprecando i secondi.

Ecco, hazel direbbe allo svizzero che si dimostra adulto e responsabile. Però poi pensi che se sta con quel tizio forse è meglio essere un po' bambini. Però dentro, eh.
[brullo nulla::post]fai gli aggiornamenti invece del fresh reinstall come fa ogni persona sana di mente

[fork()]

mi inserisco in questo 3d di grande mestizia.

qualche sera fa ho rivisto una tizia, mi ha molto colpito la bellezza del suo naso, che è rimasta intatta anche dopo vent'anni. un'altra conoscente, questa pazza, drogata, invece mi ha dato il numero del suo medico del cervello, dice che lei ne ha tratto grande giovamento (benchè sia tuttora drogata, oltre che pazza). il naso e il numero formavano una strana coincidenza, vedevo bene che la soluzione poteva essere il naso e non il numero ma il primo non si può pagare.

la tipa dell'altra sera l'ho conosciuta da ragazzo. rivedendola, mi ha detto più o meno le cose che avrebbe potuto dirmi vent'anni fa. anche allora mi piaceva, benchè fosse cocciuta e prepotente e fascista. ha un viso insolito, zigomi alti, il naso dritto e sottile, quasi perfetto, occhi verdi di un taglio molto elegante, per quanto malevoli. negli ultimi dieci anni devo averla incontrata due volte, l'altra sera era seduta con un tipo biondo e scimmiesco che doveva essere un amico. penso che ci voglia un uomo molto forte per attirare una femmina così e il tizio non ne aveva l'aria. per mostrarmi cosa fa nella vita mi ha dato un biglietto da visita, che distrattamente ho buttato.

più probabile che non sia stata distrazione ma solo l'adeguarsi istintivo alle condizioni del tempo.
--
disputerò sulle vostre tombe

[fork()]

[deathlv::post]
Tralascio la fisica, e me ne frego dell'astronomia.

Voglio parlarvi di Lilly


Ho un grande amore, da dilettante, per l'astronomia e se mai avessi saputo fare di conto, avrei sicuramente studiato astrofisica. Per quel poco che ne so, un sistema binario è comunque una struttura armonica, che porta a momenti di avvicinamento e repulsione. Ma si tratta di una "coppia."

Se hai avuto il coraggio di farti depredare il conto in banca da una tossicodipendente così da permettere al tuo inconscio di confermare che non meriti di meglio dal basso della tua disistima, forse puoi semplicemente invertire i fattori ed avventurarti a parlare, conoscere e persino amare questa Lilly per la quale scrivi questo bel, lungo pezzo. Naturalmente tutto ciò richiede maggiore autostima.

Del resto, combattere contro la profonda e massiccia forza dell'inconscio non è facile ma chi volesse fare psicoanalisi del profondo assocerebbe i tuoi frequenti duri traumi alla rimozione del tuo amore per lei. Pensaci, del resto Jung era svizzero come te.

(ho uppato)
"Non c'è giudice e non c'è giustizia" (Talmud, Avodà Zarà, 25a)
ומוצא אני מר ממות את האשה אשר היא מצודים וחרמים לבה
(קוהלת, ז כו)

[fork()]

No, sin da tenerissima età avevo capito che mi piaceva tutto delle donne e provavo a concupirle in tutti i modi, racimolando milioni di pali e qualche soddisfazione.
Piuttosto, ci racconti di nuovo la storia della mucca che non trovo più il link?
Drop the bomb.Exterminate them all.

"Sei un caso disperato, a te se non ci sono forconi ed ebrei i discorsi non piacciono"

"Tempacci.Mi ricordo di quando scopare era sicuro e volare pericoloso"
"Giovinezza, bellezza, forza: i criteri dell'amore fisico sono esattamente gli stessi del nazismo. "
(M. Houellebecq)

[fork()]

bella ztoria, mi ha solleticato l'empatia.
ho incontrato tre anni fa un mio amore d'infanzia e m'è sembrata una cretina senza pari. son o felice di essere stato piantato quella volta

Avevamo vegliato tutta la notte - i miei amici ed io - sotto lampade di
moschea dalle cupole di ottone traforato, stellate come le nostre anime,
perché come queste irradiate dal
chiuso fulgòre di un cuore
elettrico



[einsatz::post]
Parlare di moto con snoby è come parlare di patate con r0cc0 dai: le ha provate tutte orcocan.

[fork()]

death, pero' quando la tua donna ti gonfia di pugni in faccia vorrei essere presente.

in riferimento al tono non al concetto in sè
[fork()]

[ruby tuesday::post]I cataclismi sono fighi, sono vita


Svegliatemi per l'apokatastasis

[fork()]

hahaha la signora dietro che alza le mani mi fa sempre ridere

[fork()]

[deathlv::post]Non le hai detto una sola parola quel dannato 29 Agosto in cui ti ha portato l'asciugamano. Non una

oh Jesus, quel dannato 29 agosto in cui non.l'hai.ringraziata.per.l'asciugamano.


cagare.
Video meliora proboque, deteriora sequor

[fork()]

[Le deuxième sexe::post]oh Jesus, quel dannato 29 agosto in cui non.l'hai.ringraziata.per.l'asciugamano.
cagare.
[deathlv::post] [rating 7]
Su certe cose gli asphaltisti si rivelano peggio dei lettori di fabiovolo.

Svegliatemi per l'apokatastasis

[fork()]

[Le deuxième sexe::post]oh Jesus, quel dannato 29 agosto in cui non.l'hai.ringraziata.per.l'asciugamano.

hahaha anch'io ho avvertito un brivido in quel passaggio. detto ciò sto tentando di comprendere se deathlv appartiene alla gilda di vecchiacci marci della sphalto che ho deciso di combattere con tutto il mio corpicione glitterato o se è ok.

[fork()]

beh è chiaro che l'elaborazione del messaggio fa cagare ma per la persona di grande sensibilità (e signorilità) questa goffaggine è come la trasheria di certi oggetti o certe femmine, fa quasi tenerezza.
--
disputerò sulle vostre tombe

[fork()]

coglione
- terremotato del cazzo -

HO IL PISELLO PORCODDIO!

[fork()]

io sono favorevole ai treds su l'amore perduto che più non ritorna
[muffa::post]gilda di vecchiacci marci della sphalto che ho deciso di combattere
siamo pronti a difenderci fino all'ultimo uomo

da oggi anche in confezione famiglia

[fork()]

[Rabbi Acher::post]Per quel poco che ne so, un sistema binario è comunque una struttura armonica, che porta a momenti di avvicinamento e repulsione. Ma si tratta di una "coppia."
Rabbi, hai espresso in una frase la sintesi di un delirio. Avrai la mia imperitura stima
[Marco::post]death, pero' quando la tua donna ti gonfia di pugni in faccia vorrei essere presente.
Si conoscono, e quella rossa che quattro anni fa mi disse "si" davanti ad un giudice di pace, sa che due soli non li puoi mai dividere (ed ha aggiunto: tieni il pisello a posto o ti ammazzo).
[ruby tuesday::post]che bello ma... se ho capito bene ora sei single?
Hazel, senza offesa - e con una carezza al cagnolone - non hai capito nulla. Sono sposato da quattro anni con lei, l'amo alla follia, completa tutte quelle piccole pecche che ho (sono responsabile dell'IT per circa 580 stazioni di servizio ma non so fare una tisana, e sono perfettamente in grado di amputarmi arti con un tagliasiepi). Amo mia moglie. Lilly è uno sfogo, e sfido chiunque qui dentro a dire di non aver mai vissuto un. tutto qua. ci vorrebbero 2'456'876 tutufest per spiegarlo.
[Le deuxième sexe::post]oh Jesus, quel dannato 29 agosto in cui non.l'hai.ringraziata.per.l'asciugamano.


cagare.
deuxième, fidati, non sai di cosa parli.
[Jack D. Ripper::post]Piuttosto, ci racconti di nuovo la storia della mucca che non trovo più il link?
un bookmark no, eh?
[maxdanno::post]3. una volta ho sparato a una mucca
4. comunque è stato un errore

[fork()]

[muffa::post]se deathlv appartiene alla gilda di vecchiacci marci della sphalto che ho deciso di combattere con tutto il mio corpicione glitterato o se è ok.


nessuna delle due, imho fa parte di una categoria a sè stante che comunque si avvicina maggiormente a quella dei vecchi dimmerda.
devo dire che già mi sono stupita quando ho visto il rating 5, a 7 poi ho rinunciato persino a qualsiasi tentativo di affosso, un po' come l'italia dopo il terzo gol della spannia.


[fork()]

[deathlv::post]ci vorrebbero 2'456'876 tutufest per spiegarlo.


peccato che sei un paccaro (e che in fondo potremmo anche non essere così tanto interessati)

[fork()]

rimane comunque una storia incredibile (dico il fatto di come cazzo abbia fatto a sposarti con quelle orecchie che pari la coppa campioni)

[fork()]

[chukie::post]pari la coppa campioni
è una delle volte più uniche che rare in cui chuki non ha esagerato un cazzo
popup
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
L'orzata in frigo è imperdonabile. (Squallido Master)
Scegliamo di mangiare una polenta abbrustolita, e la chiediamo senza alcun abbinamento. (Il Maestro)
[Fred::post]l'asphalto tutto = quella merda di rodolfo, che raccoglie i consensi dello 0.03% di asphalto (ovvero la sua utenza e basta

Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

invece ha un'espressione simpatica, pur nella sua innegabile mostruosità. inoltre un uomo col porcellino ha sempre il suo fascìno.
--
disputerò sulle vostre tombe

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai